Lo stress ossidativo e danni cerebrali nei bambini pretermine

Di seguito il riassunto e commento dell’articolo riprodotto qui in versione integrale.

Il cervello dei bambini prematuri è estremamente vulnerabile e uno degli obiettivi della medicina moderna è scoprire come proteggerlo al meglio. Potrebbe sembrare paradossale, ma anche la semplice esposizione all’aria ricca di ossigeno, se avviene prima del tempo, può risultare pericolosa.

Nel grembo materno noi eravamo abituati a vivere come se fossimo sull’Everest, con una pressione parziale di ossigeno pari a circa due terzi di quella alla quale siamo esposti ora. Solo verso le ultime settimane di gestazione riusciamo a prepararci completamente all’uscita nell’ambiente al di fuori dell’utero e a maturare i meccanismi di difesa contro “lo stress ossidativo”, ovvero quel squilibrio tra la produzione ed eliminazione di sostanze ossidanti che potrebbe danneggiare le nostre cellule.

In effetti, abbiamo osservato in precedenza un collegamento tra i livelli di adenosina, una sostanza chimica che può essere rilasciata dagli oligodendrociti che soffrono dallo stress ossidativo, e le lesioni di sostanza bianca visualizzati con risonanza magnetica dell’encefalo. Anche se molto deve essere ancora fatto per poter confermare questa associazione, si spera di poter utilizzare, nel futuro, questa sostanza per scoprire precocemente l’iniziale sofferenza cerebrale e per elaborare le strategie per proteggere al meglio lo sviluppo del cervello prematuro.

I bambini nati prima del termine, non avendo ancora sviluppato appieno questo “ombrello” antiossidante, sono più esposti alla “pioggia” dei radicali liberi dell’ossigeno – e proprio questo meccanismo sembra di giocare un ruolo fondamentale nella vulnerabilità della sostanza bianca del cervello immaturo. Lo stress ossidativo potrebbe essere particolarmente pericoloso per gli oligodendrociti, una delle famiglie delle cellule cerebrali che si trova in rapida espansione durante il terzo trimestre di gravidanza.

Dott.ssa Mariya Malova

CONDIVIDI SU

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi Anche...

FOCUS ON: Sostanza bianca

La sostanza bianca è la parte del cervello e midollo spinale che contiene le fibre nervose. Viene spesso contrapposta alla sostanza grigia, che invece contiene

Read More »

Il sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione e cookie di terze parti per raccogliere statistiche di utilizzo. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile e cookie di terze parti (Facebook e Google) per raccogliere statistiche di utilizzo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Accetta