L’importanza dell’allattamento

L'allattamento al seno ha effetti sullo sviluppo cognitivo del bambino; studi recenti dimostrano come l’allattamento al seno nelle prime settimane dopo la nascita del bambino pretermine sia correlato a una maggiore connettività dei network cerebrali e a un migliore sviluppo della sostanza bianca rispetto all’uso di latte artificiale.

E’ noto da tempo come l’allattamento al seno riduca nel neonato incidenza e gravità di malattie infettive, quali meningite batterica, batteriemia, diarrea, infezioni delle vie respiratorie e otite media. Inoltre, riduce i tassi di morte improvvisa del lattante nel primo anno di vita; l’incidenza di diabete mellito insulino-dipendente e insulino-indipendente, linfoma, leucemia e malattia di Hodgkin, sovrappeso e obesità, ipercolesterolemia e asma nell’adulto.

Il latte umano è un alimento non solo specie-specifico, ma che potremmo definire individuo-specifico, in quanto frutto di una selezione millenaria per meglio rispondere alle esigenze nutrizionali, biologiche e psicologiche del neonato(1). Per questo motivo il latte materno rappresenta l’alimento di scelta nell’età infantile con importanti positivi effetti sulla salute della madre che allatta e del bambino allattato al seno, sia a breve ed a lungo termine.

Ma quali sono gli effetti sul cervello?

Sono meno noti i suoi effetti sullo sviluppo cognitivo del bambino, nonostante siano stati condotti diversi studi per dimostrare se effettivamente l’allattamento al seno e il latte materno siano o meno correlati a prestazioni migliori ai test di sviluppo cognitivo.

Nel 2001, in uno studio condotto da Horwood su 280 bambini si evidenziò come chi era stato allattato avesse migliori prestazioni verbali e di performance rispetto agli altri.

Successivamente nel 2003, Feldman vide come a sei mesi i bambini che erano stati allattati avessero migliori profili neurocomportamentali, in particolare a livello motorio e fossero più svegli, durante le interazioni sociali. Ciò sembra sottolineare, di conseguenza, l’importanza di una nutrizione ottimale durante un periodo critico per la plasticità e la rapida crescita cerebrale, come il periodo postnatale.

A conferma di ciò, recentemente è stato pubblicato su NeuroImage (Boardman, 2019) uno studio in cui sembra emergere che l’allattamento al seno nelle prime settimane dopo la nascita del bambino pretermine sia correlato a una maggiore connettività* dei network cerebrali e a un migliore sviluppo della sostanza bianca rispetto all’uso di latte artificiale.

*ovvero i collegamenti tra due o più gruppi di neuroni, necessari per eseguire un compito complesso che può essere motorio, sensitivo o di memorizzazione.

Dott.ssa Sara De Crescenzo

Bibliografia

Position Statement 2015 su Allattamento al seno e uso del latte materno/umano di Società Italiana di Pediatria (SIP), Società Italiana di Neonatologia (SIN), Società Italiana delle Cure Primarie Pediatriche (SICuPP), Società Italiana di Gastroenterologia Epatologia e Nutrizione Pediatrica (SIGENP) e Società Italiana di Medicina Perinatale (SIMP);
Horwood LJ, Darlow BA, Mogridge N. Breast milk feeding and cognitive ability at 7–8 years. Arch Dis Child Fetal Neonatal Ed. 2001;84: F23–F27;
Feldman R, Eidelman AI. Direct and indirect effects of breast-milk on the neurobehavioral and cognitive development of premature infants. Dev Psychobiol. 2003;43:109–119;
Manuel Blesa , James P. Boardman. Early breast milk exposure modifies brain connectivity in preterm infants. NeuroImage 2019; 184: 431-439

Designed by freepic.diller / Freepik

CONDIVIDI SU

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi Anche...

Il sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione e cookie di terze parti per raccogliere statistiche di utilizzo. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile e cookie di terze parti (Facebook e Google) per raccogliere statistiche di utilizzo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Accetta