Ricerca sul metodo PIOMI: le prime esperienze dei genitori

E’ quasi un anno che la ricerca sul metodo PIOMI va avanti, e possiamo dire che le prime sensazioni sono incoraggianti ed entusiasmanti!

I bambini che hanno preso parte allo studio hanno accettato le stimolazioni senza mostrare segni di stress o instabilità e hanno reagito molto positivamente con risposte via via più forti e mature col passare dei giorni e col procedere delle stimolazioni. E’ stato entusiasmante notare i cambiamenti che hanno riguardato la bocca. Da situazioni di scarsa mobilità o addirittura immobilità, dovute al necessario utilizzo prolungato di supporti respiratori e sondino naso-gastrico, pian piano si sono sviluppate risposte sempre più vivaci, ai tocchi, pressioni e sfioramenti previsti dal PIOMI. Analizzeremo i risultati definitivi solo quando si sarà raggiunto il numero stabilito di pazienti.

Genitori fantastici

Ancor più entusiasmante è stato poter insegnare le stimolazioni ai genitori. Si sono messi in gioco nonostante i timori e le paure! Timore che le stimolazioni potessero affaticare i loro piccoli…timore all’idea di dover inserire un mignolo nella bocca dei loro bambini, dito all’apparenza cosi piccolo, ma che a confronto della minuscola bocca con cui si ha a che fare…diventa enorme! coinvolti, presenti, attenti e emozionati ad ogni traguardo raggiunto dal loro bambino!

In questi video raccontano la loro esperienza:

CONDIVIDI SU

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Leggi Anche...

La prima avventura

Ognuno di noi ha un angelo custode. Alcuni ci credono, altri no. Io sono convinto che il mio angelo custode viva accanto a me: nel

Read More »

Il sito utilizza cookie tecnici per facilitare la navigazione e cookie di terze parti per raccogliere statistiche di utilizzo. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile e cookie di terze parti (Facebook e Google) per raccogliere statistiche di utilizzo. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Accetta